IL BACKUP: UN PROCESSO COMPLESSO CHE SALVA LA VITA AI TUOI DATI

Cosa si intende per backup? Il backup è quell'insieme di strumenti, azioni e procedure che vengono messi in atto per la preservazione dei propri dati (propri o dell' azienda) anche in caso di “disastro” cioè nel caso peggiore la rottura fisica del pc o del supporto di memorizzazione.

Già solo la definizione è complessa e di difficile fruizione per l'utente medio che si trova in difficoltà anche con le quotidiane operazioni informatiche.

Analizziamola più attentamente: innanzitutto sono necessari degli strumenti, solitamente hard disk esterni, chiavette USB, cassette magnetiche, …, in cui eseguire una copia fisica dei file (azione) e mantenuta aggiornata nel tempo (procedura). Questo backup elementare, anche se poco sicuro, permette di ripristinare su una macchina diversa da quella utilizzata i propri dati e quindi di continuare a lavorare “come se nulla fosse accaduto”.

Fin qui tutto relativamente semplice, ma non è sufficiente. Infatti in questo modo non ci salviamo dal rischio rottura dei supporti utilizzati quotidianamente da cui copiamo i dati e anche i supporti di backup. Come sorpassare questo ostacolo senza dover fare infinite copie su infiniti supporti diversi (che oltre essere estremamente costoso a livello economico diventa impossibile a livello pratico)?

Una soluzione ci viene offerta dai vari servizi cloud (anche gratuiti) che permettono di effettuare una copia dei dati in un server remoto. Anche in questo caso non è tutto oro quello che luccica: la quantità di spazio è solitamente abbastanza limitata e per averne di più bisogna sostenere dei costi mensili, inoltre per il trasferimento dei dati si è legati alla connessione internet che, per quanto veloce, per trasferire GB di dati si può aver bisogno di ore se non di giorni. Con l'esternalizzazione del servizio di backup si va incontro anche ad un altro problema, non meno importante: molti servizi cloud (soprattutto quelli gratuiti) acquisiscono per contratto la proprietà dei dati che andiamo a inviargli. Questo significa, non sapendo chi effettivamente possa aver accesso ai nostri dati personali, che non siamo più “proprietari” dei nostri files, che non sappiamo in che luogo del mondo si trovino e che non sappiamo chi potrebbe averne accesso e, nel caso in cui, questi vadano persi, non si può effettuare nessuna rivalsa.

Esiste quindi una soluzione per avere un backup sicuro, non eccessivamente costoso e che ci faccia dormire la notte?

La risposta è sì!

Un sistema ibrido tra la copia in locale dei dati e la ridondanza del dato stesso, il tutto gestito automaticamente da un semplice apparecchio chiamato NAS.

Questo è a tutti gli effetti un server in cui accentrare i dati dell'azienda: al suo interno sono presenti, su dischi fisici differenti, almeno due o più copie dei file, in modo da limitare al massimo la perdita dei dati anche in caso di rottura di un supporto. Il suo sistema operativo è in grado di recuperare i dati dai PC presenti nella rete e da eventuali server remoti, di salvarne una copia al proprio interno e non solo: con un sistema di snapshot, che “fotografa” lo stato dei dati in quel momento e li rende disponibili successivamente senza alterarli, può mantenere diverse versioni dello stesso file per un dato periodo di tempo, liberamente configurabile.

Questo è l’unico metodo che ci permette di salvarci in caso di attacco dell'ormai famoso cryptolocker, il trojan che ha criptato i file di interi PC negli ultimi tre anni, rendendone impossibile l'utilizzo.

Ovviamente bisogna analizzare di caso in caso la migliore soluzione in base alla quantità di dati, al numero di utenti/postazioni e alla struttura della rete aziendale ecc.

Non pensare di creare un sistema di backup nella propria azienda è una condanna a morte, è come guidare a 300km/h una moto senza casco, prima o dopo un incidente accade e quando succede i danni sono grossi e irreparabili.

  Puoi contattarci direttamente, senza impegno: TEL. 3492534626 | ATTRAVERSO IL MODULO CONTATTI DEL NOSTRO SITO
Seguici sui nostri canali social.
Seguici sui nostri canali social